Tetto debito USA una soglia pericolosa

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Tetto debito USA: una soglia pericolosa

La situazione economica americana è ancora tutta da capire. Per il momento le borse hanno reagito con entusiasmo al raggiungimento dell’accordo sul fiscal cliff ma poi hanno dovuto “accettare” la spiegazione di Obam della situazione economica statunitense.

Il presidente americano, dopo aver raggiunto l’accordo sul fiscal cliff con il Congresso, è tornato alle Hawai per proseguire la sua vacanza, ma non ha dimenticato di fare un discorso più “completo” sulle finanze statunitensi. In genere, Obama, ogni settimana, pubblica un discorso su internet e lo diffonde anche in radio.

Il presidente ha ribadito che l’accorso sul fiscal cliff è soltanto il primo passo verso la risoluzione della crisi e, un virgolettato, riportato da molte riviste del settore, continua:

“Abbiamo bisogno di fare ancora di più per ridare lavoro agli Americani e dobbiamo anche rimettere il Paese su un percorso che gli consenta di pagare il suo debito, la nostra economia non può più permettersi inutili contrapposizioni o affrontare una nuova crisi pilotata”.

E’ dunque evidente che il debito pubblico resta un argomento prioritario nell’agenda politica ed economica del paese. I Repubblicani hanno già detto di volere un innalzamento del tetto massimo del debito ed un taglio sostanzioso della spesa. Obama, invece, non vuole negoziare ma si propone di lavorare per la riduzione del disavanzo a forza di riforme fiscali.

Tag: opzioni binarie usa

America: il rapporto tra Fed e QE

La Federal Reserve e il programma di Quantitative Easing sono i capisaldi della stagione monetaria estiva nel senso che le evoluzioni della politica economica americana e le decisioni prese dall’organismo…

di Luigi Boggi – 21 Maggio 2020

Economia: Krugman su USA e Lettonia

L’austerity è praticamente passata di moda, o meglio, in questi ultimi mesi sono state pubblicate delle relazioni che confutano l’algoritmo che per anni ha giustificato l’applicazione dell’austerità. Si nota invece…

di Luigi Boggi – 15 Maggio 2020

USA: torna la fiducia dei consumatori

Negli Stati Uniti i dati sulle vendite al dettaglio sono stati migliori del previsto e questo vuol dire che l’economia americana è in ripresa. Ma è davvero così? Proviamo a…

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

di Luigi Boggi – 15 Maggio 2020

Immobiliare: da Wall Street segnali positivi

Gli ultimi “guadagni” del mese della borsa americana hanno deluso le aspettative degli investitori, tanto che l’indomani Wall Street ha aperto timidamente.

di Luigi Boggi – 30 Aprile 2020

USA: crollo di Wall Street dopo Boston

Un attentato terroristico, di qualsiasi matrice, in genere, getta scompiglio nella società che a distanza di diversi giorni non riesce a capire come mai sia successo quello che è successo….

di Luigi Boggi – 26 Aprile 2020

I problemi occupazionali degli USA

Gli Stati Uniti stanno combattendo con il fiscal cliff da dicembre ma sotto gli occhi degli analisti ci sono finiti anche i dati sull’occupazione, o meglio, i dati sulla disoccupazione…

di Luigi Boggi – 5 Febbraio 2020

Borsa scossa dal preoccupazione del debito USA

Il debito americano preoccupa le borse, in generale, ma Piazza Affari sembra molto più concentrata sull’erogazione dei titoli di Stato e reagisce con entusiasmo alla novità relativa al BTp.

di Luigi Boggi – 16 Gennaio 2020

Supermoneta per salvare il debito USA

Obama si trova a fare i conti con una situazione economica disastrosa, o meglio appena al di fuori del rischio fiscal cliff ma secondo gli analisti e secondo la FED,…

di Luigi Boggi – 9 Gennaio 2020

Tetto debito USA: una soglia pericolosa

La situazione economica americana è ancora tutta da capire. Per il momento le borse hanno reagito con entusiasmo al raggiungimento dell’accordo sul fiscal cliff ma poi hanno dovuto “accettare” la…

di Luigi Boggi – 7 Gennaio 2020

Buoni i dati sul mercato USA del lavoro

Il mercato del lavoro USA si sta riprendendo, lo si apprende da uno dei documenti più interessanti e più attesi nel settore economico e finanziario: il rapporto NFP. Il mercato…

di Luigi Boggi – 12 Dicembre 2020

Opzioni binarie 60 secondi: cosa sapere

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie vietate: tiriamo le somme

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie, gli indicatori più importanti per principianti

di Valentina Cervelli

Trading: 24Option sospesa da Consob in Italia

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie, Bande di Bollinger e Oscillatore RSI

di Valentina Cervelli

OpzioniBinarieLive is part of the network IsayBlog! whose license is owned by Nectivity Ltd.

Managing Editor: Alex Zarfati

OpzioniBinarieLive è un sito esclusivamente divulgativo e non può essere ritenuto responsabile degli investimenti effettuati dagli utenti.

Con Trump esplode il debito pubblico Usa: record storico di 22 mila miliardi. E se arriva una nuova crisi sono guai

Tra guerra dei dazi con la Cina, sgravi alle imprese e scontro con i democratici per il muro con il Messico: Donald Trump è impegnato su più fronti per dare seguito alle promesse fatte ai suoi elettori. Tante promesse che costano e che, a un certo punto, costringono a fare i conti. Il debito pubblico americano ha raggiunto la cifra record di 22 mila miliardi di dollari secondo i dati certificati dal dipartimento del Tesoro. È la prima volta nella sua storia che il paese raggiunge questa soglia spaventosa.

Dire che è tutta colpa del presidente è sbagliato, in fondo questo macigno già pendeva sulla testa di Washington prima dell’insediamento del tycoon. In particolare, prima che Barack Obama entrasse alla Casa Bianca, il debito era di 10.600 miliardi di dollari: al termine della sua amministrazione, aveva superato la soglia dei 19 mila miliardi. Tuttavia, alcuni provvedimenti adottati dall’esecutivo repubblicano, come l’aumento della spesa pubblica (programmi militari inclusi) e la riforma fiscale, hanno accelerato questa deriva: nell’anno fiscale 2020 (che va da ottobre 2020 a settembre 2020), il deficit di bilancio ha toccato i 779 miliardi: questa differenza negativa tra entrate e uscite è cresciuta del 17 per cento rispetto al 2020 ed è stata la più alta dal 2020.

“Con Trump al potere, sembra che si siano invertite le parti tra democratici e repubblicani. Un tempo i primi erano considerati quelli più a favore del deficit pubblico per stimolare la crescita economica, mentre gli altri avevano tendenzialmente assunto un atteggiamento più austero”, ci spiega Franco Bruni, vice presidente dell’Ispi e professore di Politica monetaria internazionale alla Bocconi. “Trump invece è il populista che spende e vuole che la Fed assecondi le sue misure, stampando dollari per aiutare con il disavanzo pubblico”.

Tra i fattori che hanno spinto il deficit si possono elencare alcuni provvedimenti legislativi dell’era trumpiana. Come la riforma fiscale che ha previsto un taglio delle aliquote per le imprese e una riduzione temporanea delle tasse per gli individui: una misura che potrebbe aggiungere altri 1500 miliardi al debito americano nei prossimi 10 anni. E le entrate statali derivanti dalle tasse sulle imprese si sono ridotte del 31 per cento nell’anno fiscale 2020.

Inoltre, come aveva calcolato il Committee for a Responsible Federal Budget (Crfb), la Tax Cuts and Jobs Act approvata sul finire del 2020 potrebbe aggiungere 230 miliardi al deficit di quest’anno che, insieme alle altre voci di costo e di spesa pubblica, potrebbe sfiorare la soglia di 973 miliardi di dollari.

“Il presidente non ha previsto programmi di rientro e quelli adottati dalla precedente amministrazione erano molto soft. Trump aveva pensato di riformare il welfare sanitario, colpendo i programmi di assistenza perché ritenuti molto costosi per le casse pubbliche, ma non è riuscito a intervenire come voleva”, spiega Franco Bruni. Che continua: “Il problema grosso sono i cosiddetti debiti impliciti. La vera bomba è quella del debito che non si vede: il sistema pensionistico americano è molto in deficit in prospettiva, le promesse pensionistiche per gli anni futuri non sono sostenibili secondo il giudizio di molti esperti”.

L’insieme delle misure espansive e di tagli fiscali hanno contribuito alla crescita dell’ammontare di debito Usa emesso l’anno scorso, che ha raggiunto il valore di 1300 miliardi di dollari: si è trattato della più alta emissione dal 2020. Nel dettaglio, il Tesoro ha preso a prestito 488 miliardi tra gennaio e marzo, 72 nel trimestre successivo, 353 miliardi tra luglio e settembre, e infine 425 negli ultimi tre mesi del 2020. E secondo il Crfb, la legislazione entrata in vigore l’anno scorso produrrà altri 2,4 mila miliardi di debito entro il 2027.

In generale, a detenere la maggior parte del debito Usa sono la Federal Reserve, il governo federale e quelli locali, e altri investitori come fondi pensione, compagnie assicurative, banche, individui. A loro si aggiunge una quota significativa posseduta da governi e investitori stranieri, tra cui la Cina. Come mostrano i dati del governo, Pechino a novembre 2020 era il principale detentore straniero dei treasury securities (obbligazioni Usa).

“Già prima della grande crisi del 2008-2009, il gigante asiatico aveva in portafoglio molti bond americani: gli acquisti di titoli di stato avvenivano in contropartita dell’avanzo corrente nella bilancia dei pagamenti internazionali, in quanto la Cina esportava verso gli Stati Uniti molto di più di quanto importava”, fa notare il vice presidente di Ispi. Come allora, anche oggi l’esecutivo comunista ha questo strumento di pressione. Ma usarlo può essere difficile visto l’interdipendenza tra i due colossi: “Pechino ha ancora un avanzo commerciale nei confronti degli Stati Uniti e continua a investire nei treasury”.

Più rischioso invece è l’impatto che questo debito può avere sul sistema economico internazionale. “L’ultima crisi del 2008 scoppiata con i mutui subprime è stata affrontata con un formidabile aumento del deficit pubblico. Se dovesse verificarsi un’altra grande crisi nei prossimi anni, sarà molto complicato un salvataggio sia sul fronte della politica di bilancio sia su quello della politica monetaria: nel primo caso, la soglia di debito raggiunta è molto più elevata che nel 2008; nel secondo, siamo ancora in una fase espansiva in tutto il mondo, anche se negli Stati Uniti leggermente meno, ed è davvero difficile abbassare ulteriormente i tassi”.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Opzioni binarie dalla A alla Z.
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: