Quali modifiche attendersi nella riunione della Banca Centrale Europea

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Banca centrale europea (BCE)

Sintesi

La Banca centrale europea (BCE) gestisce l’euro e definisce e attua la politica economica e monetaria dell’UE. Il suo compito principale è mantenere la stabilità dei prezzi, favorendo in tal modo la crescita e l’occupazione.

Cosa fa la BCE?

  • Fissa i tassi di interesse ai quali concede prestiti alle banche commerciali dell’eurozona (nota anche come area dell’euro), controllando pertanto l’offerta di moneta e l’inflazione
  • gestisce le riserve di valuta estera dell’eurozona e l’acquisto o la vendita di valute per mantenere in equilibrio i tassi di cambio
  • si accerta che le istituzioni e i mercati finanziari siano adeguatamente controllati dalle autorità nazionali, e che i sistemi di pagamento funzionino correttamente
  • garantisce la sicurezza e la solidità del sistema bancario europeo
  • autorizza l’emissione di euro in banconote da parte dei paesi dell’eurozona
  • monitora le tendenze dei prezzi e valuta i rischi che ne derivano per la stabilità dei prezzi.

Composizione

Il presidente della BCE rappresenta la banca nelle riunioni ad alto livello dell’UE e internazionali. Gli organi decisionali della BCE sono tre:

  • il Consiglio direttivo, il principale organo decisionale.
    Comprende il Comitato esecutivo (si veda qui di seguito) e i governatori delle banche centrali nazionali dei paesi dell’eurozona
  • il Comitato esecutivo, gestisce gli affari correnti della BCE.
    Comprende il presidente e il vicepresidente della BCE e altri quattro membri nominati per un periodo di otto anni dai leader dei paesi dell’eurozona
  • il Consiglio generale, svolge perlopiù funzioni consultive e di coordinamento.
    Comprende il presidente e il vicepresidente della BCE e i governatori delle banche centrali nazionali di tutti i paesi dell’UE.

Come funziona la BCE?

La BCE collabora con le banche centrali nazionali di tutti i paesi dell’UE. Insieme costituiscono il sistema europeo delle banche centrali.

Dirige la cooperazione tra le banche centrali dell’eurozona e costituisce quello che viene chiamato l’Eurosistema.

Attività degli organi decisionali:

  • il Consiglio direttivo valuta gli sviluppi economici e monetari, stabilisce la politica monetaria dell’eurozona e fissa i tassi di interesse applicabili ai prestiti erogati dalla BCE alle banche commerciali
  • il Comitato esecutivo, attua la politica monetaria, gestisce gli affari correnti, prepara le riunioni del Consiglio direttivo ed esercita i poteri che gli vengono delegati dal Consiglio direttivo
  • il Consiglio generale concorre all’adempimento delle funzioni consultive e di coordinamento e ai preparativi necessari per l’allargamento futuro dell’area dell’euro.

La BCE e i cittadini

È possibile contattare la BCE via e-mail per ottenere informazioni tecniche e promozionali

BCE: le attese e previsioni per oggi

Oggi la riunione della Bce. Quali le attese da parte degli analisti? Quali le (tante) domande a cui il governatore Mario Draghi dovrà rispondere?

BCE: la situazione

La volta scorsa Mario Draghi, numero uno della Banca Centrale Europea, aveva sorpreso i mercati annunciando una serie di azioni di stimolo dell’economia, le famose TLTRO. Una misura che era la conferma indiretta del momento di fragilità che sta vivendo il panorama economico mondiale. Ed europeo in particolare. L’ultimo tassello di questo puzzle arriva dal Fondo Monetario Internazionale. Non più tardi di 24 ore fa, infatti, il vertice dell’istituto di Washington ha tagliato ulteriormente le stime di crescita per questo 2020. Non solo, ma il governatore stesso, Christine Lagarde, ha definito l’Italia come una fonte di rischio a livello internazionale.

Le attese per oggi

Partendo da questo quadro, quindi, cosa attendersi? In realtà dopo gli ultimi annunci del mese scorso, ora l’attenzione si focalizzerà con ogni probabilità, su eventuali dettagli circa le operazioni di TLTRO III. Operazioni che, dopo i primi entusiasmi, sono apparse più stringenti per gli istituti bancari rispetto a quanto fatto già in precedenza. In particolare le nuove strategie sembrano limitare le possibilità di usare i fondi per condurre operazioni di carry trade. I particolari, però, potrebbero arrivare, però, solo nella riunione di giugno. Questo perché alcuni membri del board non erano d’accordo sui particolari in via di definizione.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

BCE: le attese degli analisti

Il pericolo è quello di una domanda interna troppo debole per rimpiazzare quella estera che si sta affievolendo. I dati economici negativi derivano per lo più dal settore manifatturiero. A sua volta messo sotto pressione dalle incertezze commerciali derivanti da Brexit e guerra dei dazi. In entrambi i casi si tratta di situazioni la cui via d’uscita è ancora lungi dall’essere individuata.

I pericoli per le banche

E ancora: le conseguenze, soprattutto sui conti delle banche, di tassi bassi ormai da troppo tempo e che per di più potrebbero rimanere tali ancora a lungo. Ed è proprio il fronte bancario il tasto dolente nella strategia di accomodamento della BCE. Dopo anni di tassi ai minimi storici e direttive per adempiere ai nuovi e più rigorosi parametri europei, le banche sono sempre più spesso sotto stress. A questo si aggiungano anche le incertezze dei mercati e, per quelle italiane, il nodo gordiano che le lega ai titoli di stato.

Cosa attendersi dalla riunione BCE di giovedì

Il calendario macro economico dell’Eurozona è principalmente catalizzato dalle attese per la riunione della Banca Centrale Europea di giovedì. In tal proposito, le attese sono legate soprattutto all’aggiornamento delle stime macroeconomiche, che ingloberanno una nuova analisi degli effetti della Brexit, con potenziale modesto deterioramento rispetto alla situazione ex ante. Appare infatti oramai chiaro che l’esito del voto inglese sembra avere più che altro influito sul bilancio dei rischi spostandoli verso il basso, che le indagini di fiducia hanno sorpreso in negativo e che i dati qualitativi appaiono coerenti con una stabilizzazione della crescita sui livelli del secondo trimestre, pari a 0,3 punti percentuali su base trimestrale, anche per la seconda metà dell’anno.

Introdotto quanto sopra, si tenga anche conto che la Banca Centrale Europea sta mantenendo un certo grado di discrezionalità sulle nuove stime, in base alla valutazione dell’impatto delle misure di politica monetaria che a giugno non erano ancora state implementate. In maniera più specifica, e con riferimento allo scenario dei prezzi, le stime preliminari per l’inflazione di agosto hanno registrato un’inattesa debolezza, soprattutto con riferimento alla dinamica dei prezzi sottostanti.

Nelle righe che precedono dovrebbe dunque formarsi una valutazione di massima legata alle mosse della Banca Centrale Europea, che a detta di una buona parte degli analisti dovrebbe oramai essere pronta per tagliare di un paio di decimi le previsioni sul PIL nel biennio 2020-18, con una stabilizzazione della crescita intorno all’1,5 per cento, un livello che è attualmente poco sopra quello potenziale, e in linea con lo scorso esercizio.

Oltre alle revisioni di crescita per il prodotto interno lordo della zona, è possibile che possano esservi delle revisioni anche per quanto concerne l’inflazione: per quanto attiene il 2020, la revisione dovrebbe concretizzarsi in un taglio del punto di arrivo per il CPI core; per quanto concerne il target di arrivo dell’indice headline sull’intero orizzonte di previsione, la limatura dovrebbe prender spunto da quanto comunicato nell’aggiornamento di giugno, 1,6% nel 2020.

Il deterioramento dello scenario, seppur modesto, potrebbe quindi giustificare un nuovo intervento espansivo da parte della BCE. Al momento appaiono comunque precoci gli annunci di nuove misure strutturali come l’aumento del volume di acquisti del quantitative easing o nuovi tagli dei tassi o modifiche alle regole di funzionamento del programma di acquisto titoli. Appare invece essere sicuramente più percorribile l’opzione di un’estensione temporale del programma oltre la “fine” ipotizzata nel mese di marzo 2020, a supporto di un messaggio accomodante. Non è comunque da escludere che una simile mossa possa essere attuata nella successiva riunione.

Dall’altra parte dell’Atlantico, altri dubbi attanagliano invece i policy makers della Fed, alle prese con le mosse preparatorie del FOMC del 20-21 settembre. L’incertezza circa la possibile rivisitazione al rialzo dei tassi di riferimento è piuttosto elevata, e anche e la maggior parte degli analisti ritiene che a settembre non vi sarà alcuna mossa in tal senso, non è certo possibile scongiurare una scelta che sorprenderebbe una parte degli osservatori. D’altronde, l’employment report della scorsa settimana ha deluso solo in “superficie”, ma un’analisi più attenta ha in realtà dimostrato che la crescita del mercato del lavoro statunitense è solida e duratura, ponendo quindi le basi per la formazione di una azione positiva sul fronte del benchmark. Anche se il solo dossier sul lavoro non può certo ritenersi una condizione sufficiente per alzare i tassi, tutto lascia presagire che dalle parti della Federal Reserve si stia finalmente raggiungendo una intesa per poter riprendere la strada del rialzo del tasso di riferimento, dopo l’ultima mossa compiuta a dicembre 2020.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Opzioni binarie dalla A alla Z.
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: