L’analisi quantitativa nel mondo delle opzioni binarie e del Forex

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

L’analisi quantitativa nel mondo delle opzioni binarie e del Forex

Al centro della maggior parte delle attività finanziarie, sia che si tratti di Forex o più semplicemente di opzioni binarie, troviamo indubbiamente il concetto dell’Analisi Quantitativa: scopriamo di che si tratta e come applicarla con successo ai nostri trade.

Il concetto di Analisi Quantitativa è spesso adottato dai trader come approccio più scientifico, essendo matematico e dunque statistico al contempo, al mondo dei mercati, dei broker in opzioni binarie e naturalmente degli asset su di essi scambiati, per poter dedurre dei motivi ciclici di andamento degli stessi, ovvero rilevare un trend.

L’Analisi Quantitativa è fondamentale se vogliamo avere il riflesso esatto di quanto sta accadendo online sulla nostra piattaforma, distinguendosi comunque dall’analisi tecnica, essendo quest’ultima incentrata su sistemi di rilievo euristico, in grado di rilevare l’operazione più corretta da effettuare in un dato timeframe.

L’analisi Quantitativa è invece mirata ad identificare le situazioni in cui il market osservato può essere definito a “regime normale”, individuando così i suoi lati deboli e forti così come gli stati palesemente anomali, in cui le tendenze circolanti sono differenti tra ribassi e rialzi.

Tale tipo di analisi trova uso nel valutare le performance delle nostre attività, anche dal punto di vista della valutazione finanziaria dello strumento in sé, prevedendo anche, quando possibile, le conseguenze delle modifiche del prezzo nel mondo azionario o valutario. Si possono così controllare flussi valutari ed ottenere una considerazione qualitativa delle opzioni binarie su cui vogliamo investire.

Al concetto dell’Analisi Quantitativa si interfaccia anche quello del trading mediante bot o algoritmi, generalmente definito come automatico. Tramite un numero cadenzato di cicli di operazioni, è possibile effettuare un trading costante e basato su indici di recupero e ritorno degli investimenti, rilevando anche un andamento di tendenza dei fenomeni che li causano.

Ci si affida allora in particolare agli strumenti offerti dal calcolo delle medie mobili, in grado di rilevare la variabilità del trend in analisi, con un orizzonte temporale più precisato man mano che andiamo a scoprirne le qualità e le potenzialità con l’analisi, aggiungendo anche perequazioni con le attività passate che hanno generato un maggior ritorno monetario.

Ricordiamo tuttavia che in Analisi, le medie mobili possono soffrire di alcune congestioni dovute all’assetto del mercato, che tende ad assumere delle cosiddette fasi di tendenza non definita, con possibili segnali falsi da cui un trader inesperto potrebbe dedurre, con errore, che sia in arrivo un’inversione di mercato.

In linea generale, il trader in opzioni binarie può proteggersi utilizzando posizioni di tipo Long nel caso in cui il movimento dei prezzi tagli dal basso all’alto la linea di media mobile, oppure passare a quelle Short nel caso in cui il movimento sia spiccatamente discendente, sempre aiutandoci con la media mobile.

Va comunque ricordato che in questi casi si configura una situazione in cui avviene un contrasto (trade off) tra la necessaria rapidità nel decidere cosa fare nella situazione rilevata e la prudenza occorrente per sfruttare al meglio la strategia: trovando il giusto bilanciamento tra questi due aspetti, potremo assicurarci un’Analisi Quantitativa veloce e puntuale, in grado di massimizzare i profitti ottenibili.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

L’analisi quantitativa nel mondo delle opzioni binarie e del Forex

Scopriamo la strategia relativa al rintracciamento di Fibonacci che combina analisi tecnica, statistica e intuito per un buon trading in opzioni binarie.

La scelta tra analisi tecnica e fondamentale

Come unire le possibilità offerte dell’analisi fondamentale e dell’analisi tecnica per diventare esperti trader in opzioni binarie partendo dalle basi.

L’analisi tecnica con formazione di inversione

Analizziamo la strategia delle formazioni di inversione, di cui potremo avvantaggiarci soprattutto nelle opzioni binarie a lungo termine.

Come guadagnare grazie ai dati macroeconomici

Nelle opzioni binarie è importante sfruttare i dati macroeconomici offerti dal mercato globale. Scopriamo, come prenderne vantaggio e guadagnare con le opzioni binarie.

L’analisi quantitativa nel mondo delle opzioni binarie e del Forex

Al centro delle attività finanziarie, che si tratti di Forex o di opzioni binarie, troviamo il concetto dell’Analisi Quantitativa. Ecco di che si tratta.

L’indicatore RSI nelle opzioni binarie: cos’è e come si usa

Scopriamo il significato e l’uso del RSI per elevare la nostra abilità ed i relativi guadagni nel trading in opzioni binarie a livello professionale.

Buy a Lungo Termine EUR/USD

Condividiamo con voi questa idea di trading molto interessante: Buy EUR/USD con target a 1.15. Prova anche tu, sono 500 pips e diversi soldi da guadagnare!

Quanto può andare verso il basso il mercato del Petrolio?

Lo utilizziamo ogni giorno, con la nostra macchina. E lo abbiamo sicuramente tradato su un broker forex almeno una volta nella vita… Il Petrolio!

Come si usano le barre Doji nelle opzioni binarie

Nelle opzioni binarie, può risultare utile fare assegnamento sulle cosiddette barre Doji. Vediamo come si usano le barre Doji nelle opzioni binarie.

AUD/USD analisi tecnica Aprile-Maggio

Analisi tecnica facile e veloce per la coppia forex AUD/USD, per il mese di Aprile. Scopri con noi come tradare questa coppia.

Analisi Tecnica Forex GBP/USD sul breve-medio-lungo periodo

Qual’è il futuro della coppia forex GBP/USD sul breve-medio-lungo periodo? Ecco la nostra visione tecnica e macroeconomica esclusiva dei mercati.

Che cosa sono le candele giapponesi

Introduzione facile e veloce alle candele giapponesi. Scopri con noi lo standard per la rappresentazione dei prezzi su grafico nel mondo del forex!

Cos’è l’Analisi Quantitativa?

��Fai trading con fiducia su CFD, Azioni, Indici, Forex e Criptovalute. Con PLUS500 hai spread stretti, zero commissioni e APP per fare trading su qualsiasi piattaforma e smartphone. ✅ Apri il tuo conto demo gratuito >>

Molto spesso sentiamo parlare di Analisi Quantitativa; il più delle volte anche in maniera impropria. Vale la pena quindi definire il suo significato in modo tale da evitare ulteriori equivoci.

L’Analisi Quantitativa è una tecnica di analisi finanziaria che cerca di capire il comportamento dei mercati utilizzando modelli matematici e statistici complessi. Assegnando un valore numerico alle variabili, gli analisti quantitativi cercare di replicare matematicamente la realtà .

L’analisi quantitativa va differenziata per certi aspetti però dall’analisi tecnica e fondamentale, applicata a serie storiche di prezzi e comprende sia i contributi del tradizionale metodo statistico, sia un complesso piuttosto articolato di procedure e sistemi definiti euristici.

L’analisi tecnica a cui facciamo riferimento, si riferisce proprio al tipo do procedura che ha in comune lo scopo di stabilire le caratteristiche delle fasi correnti di mercato, identificandone le situazioni di relativa normalità se non anche gli stati anomali, così come la forza e la debolezza di tendenze in atto.

L’analisi quantitativa può essere fatta per una serie di motivi; tra i principali enunciamo:

  • la misurazione,
  • la valutazione delle performance di attività,
  • valutazione di uno strumento finanziario.
  • per prevedere gli eventi nel mondo reale; esempio: modifiche in un prezzo delle azioni.

In parole povere, l’analisi quantitativa è semplicemente un modo di misurare le cose.

Le analisi quantitative vengono utilizzate sia per i semplici ratios finanziari come ad esempio gli utili per azione, fino a qualcosa di più complicato come flussi di cassa scontati, o di valutazione delle opzioni.

Ormai la diffusione delle tecniche quantitative è esponenziale;

Il trading quantitativo o algoritmico rappresenta oramai il più della metà del volume degli scambi negli Stati Uniti.

Il trading quantitativo, viene anche definito come trading algoritmico,.

Questo rappresenta la negoziazione sull’ acquisto o sulla vendita di titoli basata rigorosamente su decisioni computerizzate tramite l’uso algoritmi, cioè un metodo per ottenere un certo risultato, risolvere un certo tipo di problema, attraverso un numero finito di passi. Questi sono ancora molto spesso progettati e programmati dagli stessi traders, basandosi su dati storici. Infatti molti broker hanno addirittura creato dei software per il trading automatico nel Forex. Una strategia, che si basa sull’analisi tecnica, può essere parte di un sistema di trading quantitativo se può essere pienamente codificato come computer software. Tuttavia, le tecniche utilizzate dal trading quantitativo comprendono molto più della sola analisi tecnica e possono addirittura arrivare a contenere dati fondamentali come:

  • ricavi;
  • cash flow;
  • il debit-to equity ratio.

Vediamo di capirne un po’ di più.

Le serie storiche di dati economici risultano generalmente piene di componenti che contribuiscono ad occultare l’ andamento tendenziale del fenomeno oggetto d’analisi.

Il problema di questa eccessiva irregolarità, dovuta alla serie temporale può essere risolto attraverso un procedimento statistico di perequazione per medie mobili, il quale consente di restituire alla serie maggiore continuità. .

E’ proprio l’analisi tecnica che si avvale di questo strumento statistico per due motivi:

  • regolarizzare la serie temporale, in gergo smoothing,
  • individuare segnali operativi di gestione di posizioni speculative.
  • Per questo sono utilizzate perequazioni per medie mobili semplici, per medie mobili ponderate e per medie mobili esponenziali, che vedremo di seguito.

L’operazione preliminare per l’utilizzo della media mobile riguarda la definizione di un intervallo di perequazione, ovvero il dominio o span della media; questo intervallo viene visto come un intervallo in grado di stabilire la maggiore o minore reattività della media su una variazione in cui insite strutturalmente una serie storica osservata.

L’individuazione del dominio ottimo di una media mobile rappresenta il momento d’analisi cruciale per lo sviluppo di un efficiente sistema operativo.

A questo punto, bisognerà considerare dei particolari:

  • la particolare variabilità della serie storica analizzata;

questa è sempre caratterizzata da peculiarità evolutive certamente non sfruttabili con modalità standardizzate;

  • Deve essere individuato l’orizzonte temporale entro il quale attivare gli interventi speculativi;

Rientrano in questo campo le analisi di breve periodo il quale richiederanno certamente un dominio più ridotto che si esprime in un’immagine grafica molto prossima all’effettiva serie di prezzo.

Gli analisti utilizzano i numeri classici: 9, 20, 25, 50, 90, 200, oppure i numeri di serie di Fibonacci 3, 5, 8, 13, 21, 34, 55, 89, 144.

Un altro metodo molto più scientifico consta nell’ottimizzare il dominio della media mobile per la specifica serie storica oggetto d’analisi; questo avviene sulla base della perequazione che in passato ha assicurato il miglior risultato operativo;

Le strategie operative suggerite dall’impiego di medie mobili possono derivare da:

  • interazione tra una o più medie mobili ed il movimento dei prezzi di mercato;
  • da sistemi basati su indicatori costruiti a partire da elementari elaborazioni effettuate sulle medie mobili.

Va ricordato che lo strumento delle medie mobili, di ottima affidabilità nelle fasi di trending, diventa particolarmente vulnerabile nelle situazioni caratterizzate da tendenza indefinita ( congestion phases); in questi casi esso tende a generare falsi segnali d’inversione perché i prezzi non esprimono più una precisa direzionalità, mentre la media mobile, incorporando un fisiologico ritardo, continua ad evidenziare una componente di tendenza. La procedura finalizzata al confronto tra le serie storica di prezzi e la media mobile per la gestione operativa di posizioni speculative prevede che vengano osservate due semplici regole:

  • assumere posizioni lunghe se il movimento ascendente dei prezzi attraversa dal basso verso l’alto la media mobile;
  • liquidare le posizioni lunghe ed assumere posizioni corte se il movimento discendente dei prezzi viola dall’alto verso il basso la media mobile.

Nella figura in alto possiamo vedere come le freccette rivolte verso l’alto stanno ad indicare l’apertura di posizioni lunghe, mentre quelle rivolte verso il basso la chiusura dell’operazione precedente e l’apertura di una posizione corta.

Si può subito capire come lo strumento della media mobile dia eccellenti risultati nella fase di mercato trending, permettendo di sfruttare pressoché totalmente il poderoso rialzo del 100% avvenuto nell’arco di sei mesi; allo stesso modo si può ancora vedere nella figura che lo strumento della media mobile, durante la fase di congestione successiva al rialzo, non è in grado di fornire gli stessi risultati, anche se non incorre in perdite;. Questo aspetto conferma il concetto teorico della caratteristica di trend following tool della media mobile e della sua inaffidabilità nelle situazioni di congestion market. Sembra per tanto doveroso attendere che le eventuali perforazioni siano determinate da prezzi di chiusura e non semplicemente da violazioni prodotte da massimi o minimi di mercato. E’ opportuno pretendere che il movimento di mercato sviluppi una violazione della media mobile per una quota prefissata e calibrata in base alla variabilità della serie osservata.

In terzo luogo è possibile una triplice perequazione per media mobile, a carico dei prezzi massimi, minimi e di chiusura. tutto questo farà si che verrà identificato un ideale livelli di supporto “low price” e di resistenza ” high price”, adottando la seguente strategia operativa: acquistare su violazione della high moving average da parte del movimento ascendente dei prezzi; liquidare le posizioni lunghe su violazione della media mobile dei prezzi di chiusura da parte del movimento discendente di mercato; assumere posizioni corte su violazione della low moving average da parte del movimento declinante dei prezzi; liquidare le posizioni corte su violazione della media mobile dei prezzi di chiusura da parte del movimento ascendente di mercato

Per finire, sarà possibile il posizionamento avanzato della media mobile dei prezzi di chiusura; i segnali operativi si determinano quindi solo in occasione della perforazione di dati mediati e proiettati in avanti. Questa tecnica è denominata di filtro orizzontale. questi punti sopra elencati, consentono di limitare fortemente il rischio connesso al verificarsi di falsi segnali, va ricordato peraltro il trade-off esistente tra prudenza e tempestività: una maggiore attesa prima dell’implementazione della strategia operativa implica necessariamente una riduzione dei potenziali profitti derivanti da operazioni di trading efficacemente segnalate,

Il sistema operativo descritto si basa sull’interazione tra la serie storica di prezzo ed una media mobile di dominio opportunamente determinato; un possibile arricchimento della strategia operativa consiste nel prendere in considerazione un’ulteriore media mobile caratterizzata da un diverso span.

Questo è proprio il metodo di trading con le medie mobili che si può definire golden cross. Per definizione il golden cross è definito come il superamento della media lunga da parte di quella a breve dal basso verso l’alto, mentre è detto dead cross la stessa perforazione dall’alto verso il basso.

Conclusione.

Concludiamo enunciando ancora un metodo utilizzato in America; questo è definito Variable Index Dynamic Average e consiste nel calcolare una media mobile esponenziale a parametro dinamico, che dipenda da un’altra variabile di mercato.

L’idea che giustifica la variabilità del parametro è la maggiore approssimazione alla serie storica della sua perequazione.

questa potrà essere ottenuta nei seguenti modi:

  • riducendo il dominio della media mobile con il crescere della volatilità
  • allungandolo con la diminuzione della volatilità.
  • Con questi cambiamenti autonomi la media mobile può adattare autonomamente il suo dominio in risposta all’azione di mercato.

Di seguito, potrete trovare dei link su articoli specifici che vi potrebbero interessare sui seguenti argomenti:

Per chi studia i grafici, potrebbe essere anche interessato:

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Opzioni binarie dalla A alla Z.
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: