Italia declassate 18 banche

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Moody’s declassa 12 banche italiane, Eni e Poste e molte altre

Venerdì scorso, l’agenzia di rating Moody’s ha abbassato il giudizio sulla capacità dell’Italia di ripagare il debito a Baa3 con outlook stabile e oggi ha declassato anche le principali banche del Paese

MILANO – Dopo l’Italia, arriva l’atteso declassamento delle banche. Venerdì scorso, l’agenzia di rating Moody’s ha abbassato il giudizio sulla capacità dell’Italia di ripagare il debito a Baa3 con outlook stabile e oggi ha declassato anche le principali banche del Paese. Rivisti i giudizi su UniCredit, Intesa Sanpaolo S.p.A. (Intesa Sanpaolo), Banca IMI, Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. (CDP), Mediobanca S.p.A. (Mediobanca), CA Cariparma, FCA Bank, Banca Nazionale Del Lavoro S.p.A. (BNL), Credito Emiliano S.p.A. (Credem), Cassa Centrale Raiffeisen S.p.A. (Raiffeisen), Invitalia S.p.A. (Invitalia) and Banca del Mezzogiorno – MCC S.p.A. (Banca del Mezzogiorno).

La scure di Moody’s colpisce in tutto 12 banche italiane e fa seguito al downgrade dell’Italia. “Anche se il contesto operativo per le banche è colpito negativamente dall’aumentata suscettibilità ai rischi politici del paese, le condizioni di credito sono moderatamente migliorate in seguito a un calo concreto” dei non performing loans negli ultimi due anni, spiega Moody’s prevedendo che i crediti problematici scenderanno sotto l’11% dei crediti lordi entro la fine del 2020 e scenderanno ancora nel 2020, rispetto al picco di oltre il 18% nel 2020. “Per questo Moody’s ha ridotto il suo aggiustamento negativo al profilo macro (in rispetto alle condizioni di credito) a un gradino”.

“Moodys’ ha tagliato i rating sui depositi di lungo termine di Intesa Sanpaolo, banca Imi, Mediobanca e Fca Bank a ‘Baa1’ (outlook stabile) da ‘A3′” si legge in una nota. Il rating sui depositi di lungo termine di Cariparma è stata rivisto a ‘Baa1’ (con outlook negativo) da A3 e quello di Raiffeisen a ‘Baa1′ ad A3. Moody’ ha rivisto al ribasso i rating sui depositi di lungo termine anche di Credem (a Baa3 da Baa2), e declassati i rating sul Counterparty Risk Ratings a ‘Baa1’ da ‘A3’ di BNL, Intesa Sanpaolo, Banca Imi, mediobanca, FCA Bank e Raiffeisen. “la revisione a ‘stabile’ da ‘positivo’ dell’outlook di Unicredit e Fca Bank riflette l’outlook stabile dell’Italia”.(ANSA).

Moody’s ha tagliato anche il rating di Eni a Baa1 da A3 e quello di Poste Italiane a Baa3 da Baa2. L’outlook per tutte e due è stabile.onfermando il rating Baa2 di Esselunga, Moody’s rivede invece al ribasso a Baa1 quello di Concessioni Autostradali Venete. In una nota, Moody’s conferma il rating della Rai Baa3 e quello di Immobiliare Grande Distribuzione SiiQ Baa3.

Declassate anche il rating a lungo termine di quattro utilities italiane. Nello specifico ha abbassato il rating di Hera, Italgas, Snam e Terna a baa2 da baa1 con outlook stabile. Confermato allo stesso tempo il rating a breve termine di terna con outlook stabile. Non hanno subito variazioni i rating nè gli outlook di 2i rete gas, a2a, acea, edison ed enel.

“La Repubblica si batterГ sempre in difesa della libertГ di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Declassate 18 banche italiane

La scure del rating colpisce ancora e lo fa minando alla base il sistema creditizio del nostro paese dove sono state sottoposte ad un downgrade molto importante ben 18 banche. Entriamo del dettaglio del report dell’agenzia Standard&Poor’s che ha salvato comunque Intesa Sanpaolo ed Unicredit.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

S&P’s ha pensato che il downgrade dell’Italia dovesse trovare origine nei conti delle realtà economiche e creditizie del paese, per questo, quasi a giustificare il declassamento dello Stivale, non ha tardato nel declassamento di 18 banche tricolore, mettendo al sicuro soltanto gli istituti più stabili.

I motivi del declassamento sono abbastanza semplici da individuare, infatti in Italia prima e in Europa poi, la crisi si è prolungata per troppo tempo e quindi anche gli effetti sulla stabilità economica della Penisola sono indiscutibili. I conti poco in ordine delle banche, tra l’altro, aprono la strada a lacerazioni più profonde del tessuto finanziario e fanno ipotizzare una recessione ancora più profonda per il nostro paese.

Le previsioni sul PIL del 2020, tra l’altro, non vanno in una direzione diversa. L’anno scorso si pensava che ci fosse una contrazione pari all’1,3 per cento, poi la previsione è stata rivista al rialzo e si è iniziato a pensare ad un calo del prodotto interno lordo più vicino all’1,9 per cento.

Italia: declassate 18 banche

Standard&Poor’s ha declassato prima il nostro paese e poi gli istituti di credito, 18 banche per l’esattezza, quasi ad additare i responsabili della crisi che sta vivendo l’Italia. Se in un paese perdura la crisi economica, ci deve pur essere un fattore scatenante e non si può certo dare tutta la colpa all’instabilità politica. I palazzi del potere incidono sicuramente ma il declassamento dell’Italia deve essere cercato anche altrove.

Standard&Poor’s pensa di cercare nel mondo delle banche e quindi, dopo aver declassato il paese, ha pensato di declassare anche 18 banche tricolore mettendo al sicuro gli istituti più importanti, tra cui Unicredit ed Intesa Sanpaolo.

Il declassamento, a detta dell’agenzia di rating, nasce dal perdurare della crisi che sta mettendo davvero in crisi il nostro paese. La recessione è profonda e strutturale e non è detto che le nostre banche riescono a resistere a lungo. In fondo la crisi è scoppiata sempre per via di qualche istituto di credito.

Le banche declassate da Standard&Poor’s si sono viste tagliare il rating sul debito di lungo termine. Si tratta di UBI, Credem, FGA Capital, Iccrea Holding, MedioCredito Centrale, BP di Vicenza, Veneto banca, BPM, BP dell’Emilia Romagna, BP Società Cooperativa, Unipol, Agos Ducato e Carige.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Opzioni binarie dalla A alla Z.
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: